Qualche settimana fa siamo stati alla “Cattedrale” per perderci fra gli stand di “Arts & Crafts”, scoprendo idee e prodotti pistoiesi e non solo.

Malgrado il tema ispiratore di quest’anno fosse l’edilizia, campo in cui nuove aziende e giovanissime start up hanno avuto modo di presentare le loro idee, la manifestazione si presentava all’ingresso dei locali del primo padiglione come un vortice di profumi, irresistibili per ogni visitatore. Quasi ogni ambito delle produzioni locali era tuttavia rappresentato, a partire dall’arredamento e dall’abbigliamento, fino alle creazioni artistiche de L’atelier della lana, azienda pratese nata dall’esperienza di Anna, maestra d’arte della lana cotta che porta nei suoi prodotti la conoscenza di una tecnica antica 3000 anni.

foto-home

All’ingresso della mostra però la vista veniva catturata in primo luogo dai colori accattivanti de L’Arcimboldo; nelle salse artigianali che richiamano alla mente merende in campagna e tradizioni casalinghe di tempi passati, l’azienda pratese trasmette la semplicità con cui condisce le sue ricette.

Nel proseguire il nostro “tour gastronomico” abbiamo avuto la fortuna di finire anche in un’altra regione d’Italia e in tutta l’esuberanza che la caratterizza: con Sapori di Sicilia è la cucina palermitana più genuina a rendersi protagonista seppure a chilometri di distanza dalla terra d’origine, catalizzando sui suoi arancini dorati e sugli “sfincioni” fumanti le mire dei passanti. Da tre anni ormai in pianta stabile a Pistoia, il locale sorprende i toscani con i suoi sapori esotici e geniali, figli di una tradizione che conserva nel patrimonio orale gran parte dei suoi segreti. Uno fra tutti, confessa il proprietario mentre offre un cannolo grondante di ricotta e granella di pistacchio, i prodotti locali della sua lontana Palermo.

6030738308_ea13e134e9_b

Lasciata la terra di Sicilia, è una fragranza di pane e farina a riportare alla contingenza delle tradizioni locali che ancora oggi vivono all’interno della prima cerchia di mura; dal vecchio forno dei nonni in San Lorenzo ristrutturato e modernizzato, Valentina ed Alessandro hanno dato vita con Schiaccia Amore & fantasia ad un’attività che propone idee nuove, ispirate dalla volontà di portare avanti una produzione consapevole, senza lasciare da parte il patrimonio storico di una lavorazione antica come l’uomo.
Il forno infatti propone pani e biscotti salutari, derivati da farine ricercate, come quelle ricavate da grani a bassa resa conservati dai contadini della Maremma e prodotti in modo biodinamico.

67295_704071793018052_8838359681023142336_n

In tarda sera, infine, il nostro tour all’Arts &Crafts è giunto al termine con il Maledetto birrificio toscano; adagiato serafico dietro al banco espositivo, Manolo ha raccontato agli interessati la storia dei “nomadi della birra”, un’idea sorta dall’incontro di quattro persone ed una passione che si esplica nella realizzazione di una birra “errante” che cambia impianto al variare delle migliori possibilità di realizzazione del prodotto. Come ci ha detto, non senza una vena di sano compiacimento “l’uomo è fatto di tante passioni, il segreto è trasformarle in lavoro”.

A noi, invece, non resta che suggerirvi di ripercorrere le tappe di questo tour. E buon appettito!

 

[Credits foto: Arts & Crafts Toscana; Flickr Nicola]